150 anni di Frank Lloyd Wright

L’ 8 giugno del 2017 Frank Lloyd Wright (Richland Center, 1867 – Phoenix, 1959), avrebbe compiuto 150 anni. Un compleanno impossibile, certo, ma non per questo meno degno di essere celebrato, se non altro perché stiamo parlando di uno degli architetti più significativi della storia recente.

Gli Stati Uniti, che sono il suo Paese ma anche la sede dei suoi progetti più importanti, hanno festeggiato il suo compleanno con una serie di mostre, eventi e iniziative dalla East alla West Coast.

Prolifico come pochi, Wright ha firmato nella sua lunga carriera oltre 1000 progetti. Alcuni davvero memorabili come il Guggenheim Museum e The Fallingwater diventate icone della contemporaneità.

Alcune classi dell’istituto, 2^A e 5^B dell’indirizzo Sistema Moda e 4^N dell’indirizzo CAT, hanno analizzato, nell’arco dell’a. s. 2017/’18, le opere dell’architetto scoprendo una produzione molto significativa per quantità, ma anche per versatilità, dal momento che Wright ha toccato tutti i livelli della progettazione, dai musei ai grattacieli, dal progetto del paesaggio alle residenze, fino al design del prodotto, con la realizzazione di lampade, tappeti, arredi, tessuti e carte da parati.

 

La mostra nasce dai risultati di questo lavoro.

La 4^N CAT (nell’ambito del progetto TOWARDS CLIL) ha svolto una ricerca approfondita sulle residenze progettate dall’architetto che vanno dalle case per la ricca borghesia di Chicago chiamate “prairie houses” alle case per il ceto medio le cosiddette “usonian houses”, alle residenze progettate dall’architetto per sé e la sua famiglia ma in cui aveva sede anche il suo studio e una scuola di architettura.

Le due classi del Sistema Moda, hanno invece creato proposte di design originali per capi di abbigliamento ispirati all’iconica architettura di Wright. I progetti della 2^A hanno visto la rielaborazione delle varie textures di vetrate e tessuti per creare nuovi patterns; nei progetti della 5^ B invece sono state analizzate le forme degli edifici combinando così i contorni del disegno architettonico con il design del capo in proposte che esplorano forme e trasparenze.

Gli alunni sono stati coordinati dai proff: Anghinolfi, Barzaghi, Conti, di Furia, Todde.


Pubblicata il 06 giugno 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.